Il simbolo nell’arte: il culto del Sole

Simbolo, dal latino symbolus: accostamento, segno di riconoscimento.

Il simbolo è un elemento imprescindibile in tutte le culture, antiche e non, così come lo è nel mondo dell’arte ed un simbolo in particolare, quello del Sole, è sempre presente, spesso con significati analoghi attraverso i secoli. Gli antichi Egizi, ad esempio, veneravano Ra, il dio del Sole, ed il Sole era un simbolo importantissimo per loro.

simbolo del sole

Rappresentazione di Hator e Ra sulla tomba di Nefertiti

Questa splendida pittura a rilievo, posta sulla tomba della regina Nefertiti, ne é un esempio. Sono raffigurati i due grandi dèi, Ra e Hator, ed il simbolo del Sole è predominante. Per gli antichi Egizi, il Sole rappresentava l’eternità, un cerchio perfetto che di fatto non ha un inizio e nemmeno una fine.


Il Sole nella cultura nipponica

Nella cultura giapponese, così come per quella egizia, il Sole è un simbolo molto importante e come potrebbe essere altrimenti? Basti pensare alla bandiera del Giappone: fondo bianco dove si staglia un disco rosso che simboleggia proprio il Sole. Il Sole ha un’importanza anche mitologica. La dea Amaterasu, dea del Sole, è una tra le più importanti nella mitologia nipponica.

simbolo del sole Amaterasu

Rappresentazione di Amaterasu, dea del Sole nella cultura nipponica

Non tutti forse sanno, però, che esistono altre tre bandiere, tutte associate alle forze armate del Paese: quella dell’esercito imperiale giapponese presenta il consueto disco rosso, decentrato a sinistra rispetto allo sfondo bianco e corredato da ben sedici raggi; essa, tuttavia è ormai in disuso. È stata infatti sostituita dalla bandiera del Sol Nascente uguale in tutto e per tutto, tranne che per il fatto che il disco rosso è al centro e non a sinistra, divenendo simbolo delle forze di autodifesa marittime. Le forze di autodifesa terrestri, invece, hanno adottato come simbolo il disco rosso ad otto raggi.


La nostra Cristina vi invita a conoscere i mille volti del dio Sole.
Cliccate qui per leggere il suo articolo!


Il Sole nell’arte

Gettando uno sguardo a quadri a noi molto più noti, ci rendiamo conto di come il Sole sia un elemento importantissimo.

Monet: Impressione, levar del Sole

Impressione, levar del sole, di Monet ad esempio è un capolavoro di impressionismo dove il Sole, dipinto di arancio rischiara il mare, infondendo appena un po’ di luce, in contrasto coi colori freddi dell’intero quadro.

simbolo del sole - Impressione, levar del sole - Claude Monet, 1872

Impressione, levar del sole – Claude Monet, 1872


Van Gogh: Campo di grano con mietitore

Campo di grano con mietitore, di Van Gogh, è un vera esplosione di luce. Il Sole, con il suo colore giallo, invade ogni angolo del quadro, si confonde col grano e davvero a fatica vediamo il mietitore.

simbolo del sole - Campo di grano con mietitore - Vincent Van Gogh, 1889

Campo di grano con mietitore – Vincent Van Gogh, 1889

Il Sole che Van Gogh dipinge è caldo e bellissimo e rispecchia l’idea dello stesso autore di un Sole buono, quasi un dio che illumina e rischiara le giornate con il suo colore intenso.


Siamo abituati ad associare il colore giallo al Sole, ma siamo sicuri che la nostra stella sia solo gialla?
Scopriamolo assieme alla nostra Gabriella qui!


Il Sole e la simbologia ad esso legata, non si trova solo sui dipinti, anzi, vi sono moltissimi esempi legati a civiltà lontane, molto legate al culto del Sole.

Il Sole per gli Aztechi

La Piedra del Sol, legata alla civiltà azteca, è uno splendido monolite conservato a Città del Messico. Pesa ben 25 tonnellate e vi è scolpita l’immagine del Quinto Sole: Tonatiuh.

simbolo del sole - Piedra del Sol

Piedra del Sol, conservata al museo nazionale di antropologia di Città del Messico

Oltre ad essere un omaggio al Sole, visto come il motore di tutta la vita, questo monolite fungeva, tra le altre cose, da calendario solare. Gli studiosi affermano che in antichità fosse completamente colorato, per lo più di giallo e di rosso.

Il Sole per i Vichinghi

Anche la mitologia norrena era molto legata al sole. Sól era la dea del sole, alla guida del suo carro. In questo, ci ricorda il dio ellenico Apollo.

Il carro di Trundholm è un omaggio alla dea simbolo del Sole. È totalmente in bronzo e il Sole è posto sul retro del carro. Solo un lato è adornato da una patina dorata: questo perché, secondo la mitologia norrena, di giorno la dèa percorreva da Est ad Ovest il cielo, mostrando agli uomini la sua luce; di notte, invece, faceva il viaggio all’inverso e gli uomini potevano vedere solo la sua oscurità.

simbolo del sole - Il Carro del Sole

Il Carro del Sole, datato 1450 a.C

Questo dualismo ha portato gli studiosi ad ipotizzare che, per i norreni, il Sole fosse un simbolo sia positivo che negativo.


Il Sole per gli Etruschi

Infine, vediamo questo splendido monile etrusco, del VII secolo a.C.

simbolo del sole - Pendente etrusco

Pendente etrusco del VII secolo a.C. conservato al museo del Louvre

Se per caso le decorazioni sulla superficie vi ricordano delle svastiche, non avete le traveggole. Sono proprio svastiche, solo che il significato di questo simbolo, nell’antichità, era molto diverso da quello da noi tristemente conosciuto.

Il termine svastica deriva dal sanscrito e significa buono, o cosa buona, ed era un simbolo direttamente associato al Sole; dunque, in questo monile, le svastiche rappresentano appunto il Sole. Ancora oggi, in verità, la svastica rappresenta il Sole: nel buddhismo, ad esempio, essa rappresenta il Sole e in Tibet ha il significato di infinito.

Nella nostra cultura, ovviamente, la svastica è associata a Hitler in quanto simbolo del Terzo Reich e, dunque, non ha nulla di positivo; ma è bene sapere che non è sempre stato così e che, il simbolo di per sé, ha un valore più che positivo se non lo si accosta alle atrocità del nazismo.


Al termine di questo breve viaggio a cavallo tra arte, antiche civiltà e piccole curiosità, vi invito, se siete appassionati (ma anche se non lo siete) a dare un’occhiata a questo bellissimo documentario: Il Sole – Storia di una stella per saperne un po’ di più sulla stella madre del nostro sistema solare.

Alla prossima!

Studentessa a tempo pieno, lettrice vorace e scrittrice per diletto. Raramente mi interesso ad un solo argomento, mi piace scoprire nuove cose e mi piace confrontare le mie idee con quelle degli altri, cosa che spero accadrà con i miei articoli.
Potete contattarmi scrivendo a s.aiello@inchiostrovirtuale.it

Ti è piaciuto? Condividilo!