Michelle Bachelet, Lei stia al suo posto

Per la collaborazione con il blog Eco Internazionale ci spostiamo in Cile per parlare di Michelle Bachelet, eletta Presidente della Repubblica nel 2006.

Gaia Garofalo racconta il vissuto della Presidente, vittima del regime di Pinochet, sempre impegnata sia dal punto di vista sociale, con la decisione di diventare medico psichiatra per aiutare le vittime di abusi e torture, sia dal punto di vista politico, che l’ha portata a ricoprire le cariche di Ministro della salute, della difesa e, infine, di Presidente della Repubblica.

Buona lettura!

Nel 2006 la sua elezione alla presidenza del Cile fu un evento storico, proprio per il vissuto della Bachelet. Nel 1975 fu sequestrata dalla polizia politica di Augusto Pinochet (1973-1990) e internata insieme con la madre a Villa Grimaldi, il centro di tortura del regime. I suoi compagni di partito e amici sono torturati con l’elettricità e in gran numero uccisi, e lei deve subire privazioni e violenze fisiche e psicologiche (come assistere alle torture di altri e minacce di violenza sessuale o di morte, sia nei suoi confronti che in quelli di sua madre), ma scampa a quelle più pesanti.

Ha raccontato di essere stata interrogata direttamente da Manuel Contreras, il capo della DINA, la polizia politica di Pinochet. Il padre, un generale dell’aviazione, morì in prigione dopo essere stato torturato, per non aver aderito al golpe.  Anche l’allora fidanzato della Bachelet, Jaime López, è detenuto e torturato ed entra nel novero dei desaparecidos.

Tornata in Cile, inizia la sua vita vera in cui crea una realtà che sfida l’utopia: medico psichiatra, specializzata nelle patologie dell’infanzia e dell’adolescenza presenti tra i ragazzi vittime di abusi e torture. Ma lei, iscritta alla gioventù del Partito Socialista, non si fermò e arrivò anche alla carriera politica: ministro della salute, della difesa e poi Presidente della Repubblica nel 2006 e poi ancora nel 2014. È la prima donna presidente del suo Paese.

Durante la crisi del 2008-2009 la Presidente ha condotto una politica economica giudicata positivamente sia dall’opinione pubblica sia da varie istituzioni finanziarie mondiali ed il Cile è stato considerato uno come i migliori modelli di sviluppo economico esistente al mondo che ha permesso al Paese, almeno fino ad ora, di resistere a questa grave crisi. Il principale obiettivo del governo è quello di tutelare le classi meno abbienti e di proteggere il potere di acquisto dei ceti medi, proteggere la produzione industriale ed agricola, ma senza utilizzare politiche protezioniste.

Continuate a leggere di Michelle Bachelet su Eco Internazionale.

Eco Internazionale nasce come evoluzione de “la Voce degli Studenti” con lo scopo di andare oltre l’informazione universitaria e di concentrarsi prevalentemente sui diversi scenari dell’attualità internazionale.

Ti è piaciuto? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *