Les Krims, dissacrante “criminale” fotografico

Togliamo di mezzo ogni imbarazzo, fermiamoci un attimo a guardare questa fotografia senza pregiudizi. Lo scatto porta la data del 1971. La stanza è luminosa, sembra vuota, fatta eccezione per il caminetto modestamente decorato. Le finestre alte si affacciano sulla Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

Memorie di intelligenze liquide: il mistero dell’acqua in fotografia

Cos’è che ci rende unici e fragili con sette vite e sette miliardi di desideri una pelle molto sottile sempre assaliti dai pensieri su questo pianeta chiamato Terra anche se come noi è quasi soltanto acqua come noi tra un Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

Riparare con gli occhi la terra ferita: gli sciamani della fotografia

Conosci una parola che mostri ciò che si può fare? Hai mai sentito di una via per trovare il sole? Dimmi tutto ciò che puoi sapere Mostrami tutto ciò che hai da mostrare Verrai a dirmelo se conosci la via Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

Passaggi di tempo: fotografia, tassonomia, archivio

Cerco le qualità che non rendono In questa razza umana Che adora gli orologi E non conosce il tempo Cerco le qualità che non valgono In questa età di mezzo (CCCP, Svegliami) La fotografia, fin dalla sua nascita, ha avuto Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

Evelyn Bencicova, smarrita fra ghiacciai e iceberg

Tutto è calmo. Una calma senza vento e senza eco. I miei capelli. I tuoi capelli. Meduse e sanguisughe, bestie avide che si nutrono di silenzi e lancette rotte. Somiglia a morire, nell’esatto momento in cui ti senti più vivo, Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

Guille & Belinda: ricordi di un tempo fuori dal tempo

Quando ero ragazzino, le giornate sembravano non finire mai. Era come se qualcuno, con abile mano, avesse fatto un taglio preciso lungo il perimetro di quella stagione, a conti fatti breve, e l’avesse ricollocato altrove, dove lo spazio e il Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

Et in Arcadia ego: la morte oltre l’obiettivo

Il primo incontro consapevole con la morte, l’ho avuto per mezzo della fotografia. Fatta eccezione per una vecchia prozia ingiallita, che mia nonna mi ha obbligato a guardare, quando ero bambino, con un intento diciamo archivistico (Ale guarda la zia Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

David Lynch e la disciplina del buio

Il buio è una casa rimasta per troppi mesi vuota, finestre sprangate, odore acre di un tempo fermo a imputridire, come acqua stagnante. Poi qualcosa si muove, ci vuole la giusta forza, la giusta spinta: un’imposta si apre appena, una Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

Demoni sotto la pelle: D’Agata, Petersen e la natura dello scorpione

Amami quando lo merito meno, perché sarà quando ne ho più bisogno (Caio Valerio Catullo, trovata dentro a una nota marca di cioccolatini) Il tempo è qualcosa che scivola fra le dita come acqua. Il più delle volte lo spendiamo Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!

L’estate dei morti viventi: fotografia e vacanze

Questa è mia madre. Voi non la vedete perché, conoscendola, sarebbe profondamente contrariata a finire nella discarica del web, senza aver dato il proprio consenso. Però provate a immaginarla, come chiedeva Roland Barthes ai suoi lettori (lo so, il paragone Leggi di più

Ti è piaciuto? Condividilo!